lunedì 1 giugno 2015

 



OMAR KHAYYÂM (persiano, decimo secolo d.c.)
(non vi fermate alle poesie di Khayyam, distanti da noi per sensibilità, arrivate sino a Hikmet…)
Sempre la voglia mia si volge al vino,
Sempre l'orecchio ai flauti, alle mandòle
Quando col cener mio
Formerà un vaso, un giorno, il vaselliere,
Sempre colmo di vin resti quel vaso
Dalla taverna, all'alba, venne un grido:
O scapestrati da taverna, o folli,
Levatevi e di vin s'empia una coppa,
Pria che s'empia misura a nostra vita.
Ho visto nel mercato un pentolaio
Su fresca terra menar calci assai,
Quando la creta così disse: Sai?
Un dì fui come te. Non trattar male.
 


NAZIM HIKMET
Riempi il tuo cranio di vino, prima che si riempia di terra”, disse Khayyam.
E disse un uomo che passava dal roseto, lungo naso e sandali sfondati:
In questo mondo, pieno di grazie ancor più che di stelle, ho fame,
di quale vino vai cianciando? Nemmeno al pane bastano i miei soldi”.


(due poeti distanti dieci secoli, di terre contigue per cultura geografia ed emozioni, ma quanta strada di consapevolezza!)

5 commenti:

  1. tanto tempo li divide ma la terra li unisce, l'oriente, vi puoi trovi la gioia dello stordimento, la perdita dei freni inibitori, protetti dai muri di una casa, forse, ma più sicuramente dall'abbraccio degli amici.
    Mi limito al piacere, nessuna considerazione faccio, invece, a proposito della necessità dei beni materiali e dell'ineluttibilità della morte.

    RosaL.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. *trovare, *ineluttabilità

      Elimina
  2. Amo il verso "Riempi il tuo cranio di vino, prima che si riempia di terra". Oltre al banale "Cogli l'attimo" per me significa che dobbiamo imparare a fare ciò che ci piace, un po' ogni giorno, ché ci toglie fatica al vivere e offre sostegno nella nostra scelta e direzione. Fabrizio

    RispondiElimina
  3. Ottima scelta di immagini. Grazie Adele, sei straordinaria. Fab

    RispondiElimina