lunedì 26 maggio 2014

 










Perduta è la speranza
Svanita in me è la vita
Grandinate di sangue
affollano i miei occhi stanchi.
L'alito del grano
ha lapidato i tuoi graziosi fianchi
bruciandone con pigrizia
i ricurvi contorni.
Lascia che il mio silenzioso lamento
porti finalmente luce
agli atomi che senza me
avidamente trionfano.

Emanuele Scaduto

4 commenti:

  1. FedericoMoccio26 maggio 2014 10:07

    Wow, lo Scaduto poeta non l'avevo considerato. Bello "grandinate di sangue", e non perchè ci sia il sangue (qualcuno dirà che sono scontato), piuttosto la parola più forte è "grandinate" che richiama il freddo ma anche la violenza con cui ci si scaglia contro qualcuno.
    Complimenti

    RispondiElimina
  2. Ma questo ragazzo è una scoperta continua!
    Un poeta:
    Perduta è la speranza / svanita è in me la vita/ Grandinate di sangue affollano i miei occhi stanchi ...
    Sembra il parlare di un vecchio saggio invece chi scrive è un ragazzo di manco vent'anni.
    Complimenti Emanuele.
    L.I.

    RispondiElimina
  3. miiiiiiiiiiii manu è troppissimo bella, disarmante evoca l'inevocabile ti accompagna in luoghi sconfinati e sconosciuti criptata ermetica per pochi animi gentili.

    peppa

    RispondiElimina
  4. Triste intensa violenta! Cosi arriva la tua poesia. Complimenti!
    Nina

    RispondiElimina