martedì 25 febbraio 2014

PATRIZIA SARDISCO









Nta na gnuni 

Mi vinniru a ittari cca
na matinata
e m’arricordu sulu c’accuminciava ‘a state.
Mi dissiru: papà, è pi n’anticchia,
e hannu passatu rui o tri Natali.


Si ddava mpacciu io un ‘u pozzu diri,
certu ca stava o stessu nta na gnuni
e pinzava
a li me guai e a li me jorna,
chiddi luntani quanno c’era idda.
So matri sì, s’avissi fattu rispittari!
Chidda era na colonna, bedda e o rittu,
u Signuri m’ha livau, chi pozzu fari!
E ora sugnu sulu comu un cane,
e agghiorna e scura e su’ vintiquattr’ure.
Mi dissiru: papà, è un bellu postu,
ma io viu sulu vecchi cu catarru 
e tri nfirmeri ca mi dicinu di “tu”.
Un è ca iu m’affennu, ma veramente
io fici a Guerra, chisti cca cu su’?
Ma a veru guerra ‘a fici poi a me’ casa, 
quannu arristavi sulu cu sei figghi
e mi dicìanu: papà, ‘a mamma unn’è?
Chi ci avìa a ddire: vi metto nto’n collegiu?
E cu l’appi ‘u cori ri lassalli?
A virità a dicìa sempri me patri, 
bon’armuzza:
un patri centu figghi ‘i campa
ma centu figghi un patri, no!


In un angolo

Mi hanno gettato qui
una mattina
e mi ricordo solo che cominciava l’estate.
Mi dissero: papà, è per un poco,
e son passati due o tra Natali.
Se disturbavo io non potrei dirlo,
certo che stavo ugualmente in un angolo
e pensavo
ai miei guai ed ai miei giorni, 
quelli lontani, quando c’era lei.
Loro madre sì, avrebbe saputo farsi rispettare!
Quella era una colonna, bella e capace,
il Signore me l’ha tolta, che posso fare!
E ora sono solo come un cane, 
e si fa luce e buio e son ventiquattr’ore.
Mi dissero: papà è un bel posto, 
ma io vedo solo vecchi col catarro
e tre infermieri che mi dan del “tu”.
Non è che io mi offenda, ma veramente 
io ho fatto la Guerra, questi qui chi sono?
Ma la vera guerra l’ho fatta poi a casa mia, 
quando rimasi solo con sei figli
e mi dicevano: papà, dov’è la mamma?
Cosa dovevo dire: vi metto in un collegio?
E chi ha avuto il cuore di lasciarli?
La verità, la diceva sempre mio padre, buon’anima:
un padre provvede a cento figli,

cento figli a un padre, no!

Patrizia Sardisco

11 commenti:

  1. ho fatto leggere questa poesia a mia madre ieri, quando ha finito mi ha detto: chista sula c'è?
    Giorgio

    RispondiElimina
  2. Una lacrima sul viso... poesia, emozione, ricordi, realtà, verità. Brava Patrizia!

    Nina

    RispondiElimina
  3. Bella, bella ed emozionante.
    ADELE MUSSO

    RispondiElimina
  4. La poesia è la più "ostica" tra le arti letterarie. Troppo personali sono i suoi sentimenti, le sue parole, le sue emozioni. Ma è anche la carezza migliore che le parole possano dare. Bravi i poeti che quelle carezze le sanno dire.
    Brava Pat.
    Jole

    RispondiElimina
  5. Complimenti Pat! Quando hai letto questa poesia il 14 febbraio mi sono emozionata davvero tanto!
    valeria

    RispondiElimina
  6. Complimenti Patrizia. Veramente bella.

    gualtiero

    RispondiElimina
  7. Mia cara, io sono tra i più fortunati perché c'ero quando ti hanno premiata per lei ed è stato emozionante.
    Vorrei che questa fosse la tua officina ufficiale per tutte le cose belle che scrivi.
    Sei davvero una brava.
    L.I.

    RispondiElimina
  8. Complimenti Patrizia, mi hai fatto commuovere tanto quando ho sentito questa poesia. Mostra una realtà triste ma molto diffusa.

    Annalisa Balistreri

    RispondiElimina
  9. Bella.
    E mi ha commosso leggere quella non tradotta, che si capisce e bene.
    Bel battesimo, brava.
    Grilletto

    RispondiElimina
  10. Grazie, grazie a tutti, è bello esserci con questo lavoro, che è insieme una sorpresa e un augurio. commossa, anch'io per tutti questi complimenti, mi incoraggiano ad andare avanti in questo percorso nel dialetto che mi fa volgere la testa verso voci lontane, estranee e familiari, che insistono per poter dire. Spero di contagiare tanti, spero di poter condividere l'idea che la voce dialettale non è espressione minore ma anzi possiede una capacità di focalizzazione che la lingua egemone spesso fatica a raggiungere. Spero vi sia lo spazio per continuare a parlarne.
    pat

    RispondiElimina
  11. ciao Patrizia complimenti , molto bella

    Peppa

    RispondiElimina