giovedì 23 marzo 2017

Un'altra primavera (che fretta c'era, maledetta primavera, la, la, la.





                                     Vladimir Kush Fauna nella Mancha

UN’ALTRA PRIMAVERA


Nella bocca dorata di un fiore
il nero odore della terra in primavera.
Non più teschi sui nostri tavoli
ma l’insinuante
prova della morte – come se avessimo bisogno
di nuovi modi di morire? No,
non abbiamo bisogno
di nuovi modi di morire.
La morte in noi continua
a mettere alla prova lo sfrenato
rischio di vivere,
così come Adamo lo arrischiò.
Bocca dorata, il sorriso obliquo
della luna verso ovest
è alla finestra nera,
Calavera di Primavera.
Mi fraintendete?
Sto parlando di vivere
di muoversi da un attimo verso
il seguente, e verso quello
che viene dopo, respirando,
morte nell’aria di primavera, sapendo che
aria vuol dire anche
musica a cui cantare.

DENISE LEVERTOV ( TRAD.FERNANDA PIVANO)







                                                  Cesare Laurenti Visione antica, 1901



ADDIO  AD UNA VISTA


Non ce l’ho con la primavera
 perché è tornata.
 Non la incolpo
 perché adempie come ogni anno
 ai suoi doveri.
 Capisco che la mia tristezza
 non fermerà il verde.
 Il filo d’erba, se oscilla,
 è solo al vento.
 Non mi fa soffrire
 che gli isolotti di ontani sulle acque
 abbiano di nuovo con che stormire.
 Prendo atto
 che la riva di un certo lago
 è rimasta – come se tu vivessi ancora bella
 come era.
 Non ho rancore
 contro la vista per la vista
 sulla baia abbacinata dal sole.
 Riesco perfino ad immaginare
 che degli altri, non noi
 siedano in questo momento
 sul tronco rovesciato d’una betulla.
 Rispetto il loro diritto
 a sussurrare, ridere
 e tacere felici.
 Suppongo perfino
 che li unisca l’amore
 e che lui stringa lei
 con il suo braccio vivo.
 Qualche giovane ala
 fruscia nei giuncheti.
 Auguro loro sinceramente
 di sentirla.
 Non esigo alcun cambiamento
 dalle onde vicine alla riva,
 ora leste, ora pigre
 e non a me obbedienti.
 Non pretendo nulla
 dalle acque fonde accanto al bosco,
 ora color smeraldo,
 ora color zaffiro
 ora nere.
 Una cosa non accetto.
 Il mio ritorno là.
 Il privilegio della presenza ci
 rinuncio.
 Ti sono sopravvissuta solo
 e soltanto quanto basta
 per pensare da lontano.

WISŁAWA SZYMBORSKA





Cos’è questo gusto di sangue in bocca?
Rivendico il diritto di appassire
lontano dalle forre in cui sorridono
stupide bocche di leone leccate di giallo.
Rivendico il diritto alle lacrime!
Sono allergico ai fiori:
ditelo al papavero
che se ne stava tronfio e fu decapitato;
ditelo alle viole, nascoste comari consapevoli
che sono caduche e marciranno
sotto la ruota del carro, in due ore.

E voi, che festeggiate il bacco vegetale
con passi ubriachi
come un ditirambo di disgraziati
e belate o ululate
secondo la vostra natura. Voi, dico
che inciampate sul senso e sul ritmo
ma vi rialzate e lestamente lo scavalcate.
Noi tutti rassomigliamo all’inverno
sterile senza impegno
senza neve senza pane senza coltura
senza regola né misura
senza meta perché senza storia.
Non ho più profumati versi:
oggi sono allergico persino alla poesia!

Fabrizio Sapio
(21 marzo: Primavera e Giornata mondiale della poesia)



                                      Magritte - Colgonda, 1953

La vedi la rondine?
Scende in picchiata
come un kamikaze
radente al suolo,
ai sassi, ai ciuffi d'erba.
Schiva gli ostacoli
quando tutto sembra
ormai perduto
furia d'istinto controllato.
Ali di nera forbice
tagliano l'aria e le speranze.
Grido è il suo disappunto
per una stagione tardiva.
Io come lei
la vivo male.

Adele Musso


"Che resta di un sogno erotico se
al risveglio è diventato un poeta
se a mani vuote di te
non so più fare
come se non fosse amore
se per errore
chiudo gli occhi e penso a te."





 Selezione poetica e immagini a cura di Adele Musso e Fabrizio Sapio - Guest star Loretta Goggi


5 commenti:

  1. La Primavera stagione di rinascita, la pagina si veste di Un'altra Primavera "Nella bocca dorata di un fiore, il nero odore della terra in primavera. Riflessioni sul cambio stagione nelle poesie tra una rondine suicida e il gusto del sangue in bocca, tra allergie e colpe imputate alla Primavera - insomma uccello morto e niente vino!Non resta che aspettare l'Estate...ahahah Belle immagini, e la presenza di uno star. Grazie a tutti, per questo momento tragico. W la Primavera e la Poesia
    Nina

    RispondiElimina
  2. Sulla primavera siamo stati bastian contrari: rondini e fiori fanno altro, atmosfere in rivolta contro una stereotipa visione.Fab

    RispondiElimina
  3. A primavera nascono fiori destinati a morire, come il mio amore per te, e il tuo per me....

    RispondiElimina
  4. Guest star Loretta Goggi ci sta. Io la interpretai cone cameriera patita di Maledetta Primavera, ovviamente perchè le toccavano le pulizie di primavera... Devo dire che non le ho ancora iniziate. Andiamo ai pezzi. Commenterei le poesie di Adele e Fabrizio. In questo ordine solo per cavalleria, Fabrizio certamente conprenderà.
    La rondine di Adele ha un forbice che taglia l'aria, viv male la stagione, non la intreccia di voli impazziti, nè gioiosi. Schiva radente ciuffi d'erba ma è senza speranza.
    Di Fabrizio ho apprezzato l'amarezza. Mi piace milto il papavero decapitato, le bocche di leone, le viole. Un tripudio di primavera destinato ad appassire. La vita con essa. Filosofia nel tutto passa...amarezza del vissuto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Clo, grazie per i commenti. L'amarezza che hai colto viene dal disincanto che sto vivendo, pur tra belle esperienze. ma ha un precedente in Caducità di Freud, un piccolo intervento in cui gioca una parte anche il suo amico Rilke. pagine brevi dense e godibili. vi esorto a mandare vostre poesie nel blog, che deve essere di tutti quelli che vogliono dire, anche in poesia. Fab

      Elimina